H.A.C.C.P.

Igiene e sicurezza alimentare

Per ogni Azienda che commercializza prodotti alimentari riteniamo sia essenziale attivare un processo di autocontrollo alimentare. Negli ultimi anni, in materia di igiene dei prodotti alimentari, la Comunità Europea ha emanato diversi richiami verso i Paesi membri, al fine di riconoscere a questa materia la giusta importanza nell'ambito della sicurezza per i consumatori.

Direttiva Igiene

Regolamento CE n. 852/2004. D.Lgs. n. 155/1996

Individua grandi novità nell'ordinamento italiano. Vengono infatti elencati i tipi di controlli cui sottoporre gli alimenti. Tali controlli vanno anche documentati, al fine di poter risalire facilmente al punto in cui si è verificato l'inconveniente che ha prodotto una contaminazione. Il protocollo HACCP consente anche di individuare le azioni correttive da apportare al processo.

La Comunità Europea, con l'intento di armonizzare la legislazione esistente negli Stati membri in materia di sicurezza e igiene degli alimenti, ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea n. 139

del 30 aprile 2004, la nuova legislazione alimentare. Questo regolamento, entrato in vigore il 1 gennaio 2006, precisa le tematiche sulla sicurezza alimentare e le modalità di attuazione del sistema HACCP.


La normativa



La normativa si articola in quattro regolamenti che nel loro insieme prendono il nome di "pacchetto igiene":
Regolamento

CE n. 854/2004

Circa l'organizzazione di controlli ufficiali sui prodotti di origine animale destinati al consumo umano;

Regolamento

CE n. 882/2004

Relativo ai controlli ufficiali intesi a verificare la conformità della normativa in materia di mangimi e di alimenti e alle norme sulla salute e sul benessere degli animali.

Servizi offerti dalla BT Lab

in termini di igiene degli alimenti e HACCP

  • Individuazione ed analisi dei potenziali rischi alimentari nelle attività di una impresa alimentare
  • Definizione e valutazione dei punti critici di controllo (CCP):
    - raccolta dei dati del processo produttivo
    - identificazione dei punti critici
  • Gestione dei punti critici di controllo:
    - monitoraggio dei punti critici
    - elaborazione schede per la gestione dei dati
    - definizioni delle azioni correttive
    - gestione della documentazione
  • Verifica periodica dei requisiti igienici
  • Sorveglianza sull'attuazione e sull'efficacia del Sistema HACCP mediante visite di controllo periodiche
  • Analisi microbiologiche su alimenti
  • Analisi microbiologiche ambientali
  • Analisi chimico-fisiche
  • Elaborazione del piano e manuale di autocontrollo
  • Consulenza per eliminare e/o controllare punti critici
  • Corsi di Formazione e addestramento in materia di igiene alimentare degli addetti
  • Gestione ed elaborazione di registri di rintracciabilità del prodotto